Emilio Isgro Per La Battaglia Di Anghiari Di Leonardo Da Vinci - Museo della Battaglia e di Anghiari

    

 

EMILIO ISGRÒ 
PER LA BATTAGLIA DI ANGHIARI
DI LEONARDO DA VINCI

 

Dal 1 Maggio al 4 Agosto 2019 

L'OPERA RIMANE ESPOSTA IN MUSEO! 

 

 

 

 


Isgrò cancella la Pacem in Terris per ricordare Leonardo.


Realizzare un’opera sulla pace e sulla guerra in un momento come questo può essere un segno più che positivo quando il progetto nasce nel segno di Leonardo, un artista immenso che seppe leggere il cuore dell’uomo anche nelle sfaccettature più feroci e misteriose.
Perché l’opera sia di impatto assoluto, tuttavia, partirò non da Leonardo (anche se la Battaglia di Anghiari sarà sempre sullo sfondo) ma da un testo a noi più vicino: quella
Pacem in Terris di Giovanni XXIII che segnò una svolta di pace nei primi anni Sessanta, quando gli uomini di buona volontà decisero di parlarsi per scongiurare guerre e cataclismi destinati a distruggere il genere umano.
Spero con la mia arte di spendere parole umane contro la crudeltà che ormai ci assedia per tutte le terre e per tutti mari. 

Emilio Isgrò
Milano, 8 febbraio 2019


 

 

Emilio Isgrò è un artista - ma anche poeta, scrittore, drammaturgo e regista – uno dei nomi dell’arte italiana più conosciuti e prestigiosi a livello internazionale.
Dagli anni ’60 il suo percorso professionale che comprendeva le attività di editor e giornalista, vira in maniera naturale e necessaria verso un nuovo ed originale linguaggio. L’artista infatti nel 1964 realizza le prime opere: la “cancellatura” di testi, applicate su enciclopedie e libri. Isgrò declinerà in seguito il peculiare e riconoscibile tratto su cartografie e addirittura su pellicole cinematografiche.
Il suo lavoro è un contributo fondamentale per la nascita e gli sviluppi della poesia visiva e dell'arte concettuale.
“La cancellatura” dice l’artista “non è una banale negazione ma piuttosto l’affermazione di nuovi significati: è la trasformazione di un segno negativo in gesto positivo”.

 

 

 

Con il patrocinio di

 

Con il sostegno di

 

Partner per la mobilità sostenibile