Benvenuti sul sito web del Museo della Battaglia e di Anghiari

La lotta tra cavalieri

 

1440, 29 Giugno. Nei dintorni del ponte che attraversa la reglia dei mulini, sulla strada diritta che corre sotto le mura di Anghiari e che conduce a Borgo Sansepolcro, vi è una lotta fra cavalieri milanesi e fiorentini per la disputa dello stendardo visconteo. Il fatto venne dipinto dalla bottega di Apollonio di Giovanni attorno al 1450 e verrà raffigurato in seguito, nei suoi tratti storici, dalla Battaglia di Anghiari di Leonardo Da Vinci, ideata negli anni 1503-1506. L’azione storica di quella giornata è immortalata dalla posizione del Niccolò Piccinino che, sopra il cavallo, protende il braccio destro sopra di sé a formare un arco, un movimento fissato sia dall’Apollonio che da Leonardo Da Vinci. Una lotta in cui cadono circa settanta uomini, secondo Neri Capponi, il commissario dei fiorentini presente in battaglia, ma dove si fa grande il bottino fra materiali e prigionieri. Non è quindi la battaglia in cui morì un solo uomo, come riportato da Machiavelli nelle Istorie fiorentine.

È tramite l’opera di Leonardo Da Vinci che questo fatto di guerra quattrocentesco fra cavalieri di ventura italiani, è divenuto il riferimento di tutte le rappresentazioni di lotta fra cavalieri. La battaglia leonardesca diviene un archetipo, conosciuto sicuramente da Jacques Courtois, italianizzato in Giacomo Cortese, ex-militare e pittore, che diviene uno degli specialisti delle opere di questo genere nella metà del Seicento. Nelle sue opere è lo sgomento o la paura il sentimento dominante che traspare dai volti dei cavalieri, non la leonardesca, bestialissima, ferocia. Perché la guerra si è fatta differente, non si addiviene quasi più “ai patti” per risolvere un assedio, le spade cosiddette “storte” hanno lasciato il posto alle pistole, le paghe sono basse e la guerra, al contrario dei tempi delle compagnie quattrocentesche, viene condotta sempre più spesso anche in inverno. 

In mostra